Notizie

Percorso educativo L'ONDA. LA STORIA NON E' UN GIOCO

Posticipata data di scadenza per le iscrizioni a martedì 8 dicembre.
Il progetto è rivolto ai ragazzi delle quarte superiori ed è articolato in vari interventi volti ad analizzare, con approcci diversi, sia teorici sia pratici, il linguaggio dell’odio, come si genera, come si costituiscono le masse ed il pericoloso percorso che può degenerare in violenza ed autoritarismo.
La richiesta di partecipazione dovrà essere inviata entro sabato 5 dicembre.

Filo spinato studenti in visita

È Rimini la città italiana scelta per le celebrazioni della Shoah 2021

Dopo le città di Torino, Venezia, Caserta, Modena, Firenze, Catania, Reggio Calabria, Napoli, Benevento e Lecce, il Ministero dell’Interno, componente del Comitato di coordinamento delle iniziative costituito presso la Presidenza del Consiglio, ha proposto Rimini quale luogo ospitante in accordo con l’Unione delle Comunità ebraiche, nell’intento di organizzare un evento che possa essere percepito come valorizzazione e approfondimento storico del territorio.

“Zone grigie / Cattive memorie”: venerdì 27 novembre il secondo appuntamento del ciclo di conferenze sulla memoria del nazismo e del fascismo

Sarà Filippo Focardi, storico, docente di storia contemporanea nell'Università di Padova e direttore scientifico dell'Istituto Nazionale Ferruccio Parri, a tenere l'incontro dal titolo “La mancata Norimberga italiana. Bravi italiani e crimini fascisti”. Introduce Laura Fontana , responsabile del progetto di Educazione alla Memoria del Comune di Rimini e coordina Stefano Pivato, Istituto storico della Resistenza di Rimini e Università di Urbino.

I treni dell'accoglienza - Infanzia, povertà e solidarietà nell'Italia del dopoguerra

Incontro su Zoom per la presentazione dell'interessante libro di Bruno Maida I treni dell'accoglienza. Infanzia, povertà e solidarietà nell'Italia del dopoguerra. 1945 -1948. 

Ne parleremo con l'Autore, che ha accolto il nostro invito a presentare la sua ultima ricerca in occasione della Giornata dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza. 

HO SCELTO LA VITA

Oggi il Corriere della sera regala il libro con l'ultima testimonianza pubblica di Liliana Segre, senatrice a vita che fu deportata ad Auschwitz a 13 anni.
Il racconto della sua tragica esperienza nell'inferno dei lager è anche un meraviglioso inno alla vita e un appello a vincere l'indifferenza verso il male altrui.
 

Grazie Liliana!

Ad Arezzo l’ultima toccante testimonianza pubblica di Liliana Segre alle scuole italiane e ai giovani del mondo

ZONE GRIGIE/CATTIVE MEMORIE

Grande successo per il primo incontro del ciclo Zone grigie/Cattive memorie.

Se non sei riuscito a partecipare puoi assistere all'incontro registrato in streaming qui.
Non perdere i prossimi appuntamenti

CEIJA STOJKA

Porrajmos: il genocidio dei Sinti e dei Rom sottoil terzo Reich

Tra i crimini di massa perpetrati dalla Germania nazista durante la Seconda guerra mondiale, il genocidio dei sinti e dei rom, spesso impropriamente definiti come “zingari”[1],costituisce un fenomeno ancora poco studiato e conosciuto.

Le stime delle vittime restano ancora oggi imprecise per lo stato di frammentazione delle fonti e a seguito della distruzione di molti documenti da parte dei nazisti. Il bilancio oscilla, a seconda delle ricerche, da un minimo di 200.000 a un massimo di 500.000 morti.

Ti racconto una storia : Il circo di Althoff come rifugio per gli ebrei perseguitati

Questa è la storia di uno dei più rinomati circhi tedeschi, l’Altfhoff,  della storia d’amore tra due artisti del mondo circense, Irene Dammer, di origini famigliari per metà ebraiche e Peter Bento, un clown, e di come l’amore e la solidarietà permisero il salvataggio di alcuni ebrei dalle deportazioni. Il circo Althoff, è considerato il più importante circo tedesco per la perfezione tecnica dei suoi numeri di scena e per la sua longevità. Tutta la dinastia tedesca degli Althoff è dedita all’arte circense fin dal 1700, dedicandosi nel tempo a sviluppare e migliorare i suoi spettacoli.

Ti racconto una storia : Roza, Ala, Ester, Regina e le altre giovani donne della resistenza clandestina di Auschwitz-Birkenau

Auschwitz fu istituito nel giugno 1940 dai nazisti a una sessantina di chilometri da Cracovia e fino al 27 gennaio 1945, giorno in cui arrivarono gli Alleati sovietici, funzionò come il più grande complesso concentrazionario del Terzo Reich. Inizialmente creato come campo di prigionia e punizione per gli oppositori polacchi o per i polacchi sospettati di resistenza, divenne presto un campo di concentramento per diverse categorie di prigionieri di ogni nazionalità, sviluppandosi in una rete di più di 40 campi di lavoro forzato.

Ti racconto una storia : Fuga da Sobibòr Alexander Pečerskij, (Sasha), l’eroe della rivolta dal centro di sterminio

Gli ebrei furono vittime della Shoah, un genocidio senza precedenti nella storia, ma non furono passivi di fronte alla persecuzione come comunemente si crede. La storia è ricca di esempi di resilienza e di resistenza durante la Shoah di varia natura e portata, ma le biografie individuali dei sommersi e dei salvati ci raccontano quali e quante strategie di sopravvivenza consentirono agli ebrei perseguitati, attraverso scelte, azioni e comportamenti, di mettersi in salvo, di provare a resistere, di aiutare qualcuno a non morire.