Logo stampa
 

Umberto Orsini, Massimo Popolizio

Copenhagen
di Michael Frayn, regia Mauro Avogadro - e con Giuliana Lojodice
Domenica 28 gennaio 2018, ore 21.30, Teatro Ermete Novelli
Lunedì 29 gennaio 2018, ore 21.30, Teatro Ermete Novelli
Martedì 30 gennaio 2018, ore 21.30, Teatro Ermete Novelli

Compagnia Umberto Orsini e Teatro di Roma – Teatro Nazionale
in collaborazione con CSS Teatro Stabile di Innovazione
si ringrazia Emilia Romagna Teatro Fondazione

A diciotto anni dalla sua prima rappresentazione torna in scena uno spettacolo diventato un classico del teatro contemporaneo, grazie a tre interpreti del calibro di Umberto Orsini, Massimo Popolizio e Giuliana Lojodice. In un luogo che ricorda un'aula di fisica si incontrano gli scienziati Niels Bohr (Orsini) e Werner Heisenberg (Popolizio), entrambi considerati i padri della meccanica quantistica, premiati dal Nobel.

 

Insieme alla moglie di Bohr, Margrethe (Lojodice) i due colleghi, amici di lunga data, tentano di comprendere che cosa avvenne nel lontano 1941 a Copenaghen, quando in piena occupazione nazista Heisenberg fece improvvisamente visita al suo maestro Bohr e perché da allora interruppero ogni contatto. Gli eventi collegati alla guerra li avrebbero poi schierati su posizioni diametralmente opposte: Heisenberg, tedesco, rimase al servizio del Terzo Reich, dirigendo il programma di sviluppo nucleare per la produzione di armi chimiche, mentre Bohr, danese di madre ebrea - e per questo perseguitato dal nazismo - collaborerà al programma nucleare sviluppato dagli Alleati negli Usa (Progetto Manhattan), da cui nascerà la prima bomba atomica all’uranio che il 6 agosto 1945 provocherà la catastrofe di Hiroshima. Che cosa si dissero esattamente quel giorno del 1941 i due fisici? Copenhagen, lavoro teatrale del drammaturgo inglese Frayn ispirato ad un fatto storico su cui si è molto dibattuto rispetto alle responsabilità professionali di Heinseberg e di Bohr, coinvolge lo spettatore in un’intensa riflessione su un tema sempre attuale e delicato: qual è il confine tra progresso scientifico ed etica?

 

Biglietti: da € 15 a € 25, ridotto scuole € 14 

Informazioni e prenotazioni: Ufficio Attività Teatrali, tel. 0541 704292 704293
Per le scuole la prenotazione è obbligatoria e va inviata tramite mail all’indirizzo: attivitateatrali@comune.rimini.it oppure laura.fontana@comune.rimini.it